stelle nella beuta

Seminari di Natale

I Seminari di Natale 2020, terza edizione della manifestazione del Dipartimento di Chimica, sono dedicati agli studenti, in particolare delle scuole superiori di secondo grado e dei corsi di studio del Dipartimento, e caratterizzati da un carattere divulgativo delle tematiche di ricerca più attuali svolte dalle ricercatrici e ricercatori del Dipartimento.

Nel corso della mattinata di venerdì 18 dicembre 2020 alcune ricercatrici e ricercatori racconteranno a una platea di studenti collegati online la loro ricerca, il loro lavoro quotidiano e le sue implicazioni nella vita di tutti noi. 

Scopo dell’evento è rendere le ragazze e i ragazzi protagonisti del loro orientamento universitario, ma anche di aumentare la cultura scientifica fornendo i mezzi corretti per approcciarsi ai temi, ai problemi e alle idee delle discipline scientifiche.

La chimica è una scienza di base caratterizzata da una fortissima multidisciplinarietà e capace di contagiarsi con tutte le altre scienze e questi aspetti saranno evidenti nei diversi interventi.

Programma

  • Saluto della Rettrice Antonella Polimeni e interventi del Rettore uscente, Eugenio Gaudio, del Preside della Facoltà di scienze matematiche fisiche e naturali, Riccardo Faccini
  • Direttore del Dipartimento di Chimica Luciano Galantini: Apertura dei lavori
  • Giovanna Serino, docente del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin, contributo dedicato come di consueto al Premio Nobel per la Chimica: La tecnica CRISPR/Cas9 - modificazione rapida e specifica di un genoma;
  • Mauro Majone, professore ordinario del Dipartimento di Chimica: Da rifiuti organici urbani a bioplastiche biodegradabili: il progetto H2020 RES URBIS;
  • Camillo La Mesa, professore ordinario del Dipartimento di Chimica: Magia e realtà nei sistemi colloidali;
  • Federico Marini, docente del Dipartimento di Chimica: Una sinfonia di dati: guardare la chimica con occhi multivariati;
  • Donato Monti, docente del Dipartimento di Chimica: Chiralità: viaggio attraverso lo specchio, dalle molecole alle galassie.

Nell'intervallo saranno presentati i video sulle grandi attrezzature del Dipartimento e di presentazione del corso di laurea in Scienze chimiche. 

In ottemperanza alle disposizioni anti COVID-19, i Seminari di Natale 2020 prevedono la partecipazione in modalità telematica, su piattaforma Zoom con YouTube Live. 

Info e prenotazioni

La partecipazione è gratuita.

Per ulteriori informazioni, potete scrivere all’indirizzo wellchem.chimica@uniroma1.it.

Relatori

giovanna serinoGiovanna Serino, docente del Dipartimento di Biologia e biotecnologie Charles Darwin, apre i Seminari con un contributo dedicato -come di consueto- al Premio Nobel per la Chimica; racconterà la tecnica CRISPR/Cas9 che permette la modificazione rapida e specifica di un genoma (genome editing), ovvero la modificazione del repertorio completo di istruzioni genetiche di un organismo. Dalla sua scoperta, CRISPR/Cas9 ha portato a migliaia di diverse applicazioni non solo in ricerca di base, ma anche nei campi più diversi, dalla cura delle malattie, alla produzione di nuove piante per l'agricoltura, o alla messa a punto di nuovi test diagnostici o per la produzione di nuovi farmaci. Ci spiegherà come è stata identificata e quali scoperte hanno valso il premio Nobel a Jennifer Doudna e Emmanuelle Charpentier, ma soprattutto alcune delle applicazioni di questa tecnica che hanno portato e porteranno a una vera e propria rivoluzione nelle scienze della vita…

 

Mauro Majone

Mauro Majone, professore ordinario del Dipartimento di Chimica, ripercorrerà la storia del progetto RES URBIS (RESources from URban BIo-waSte) finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di Horizon 2020 che ha coinvolto 20 partner provenienti da 8 nazioni europee. L’obiettivo di RES URBIS è stato lo sviluppo di una bioraffineria urbana per convertire i rifiuti organici di origine urbana in bioplastiche, materiali a base di poliidrossialcanoati (PHA) utili e di origine biologica completamente biodegradabili nell’ambiente. Oltre 30 kg di PHA sono stati prodotti ed estratti dalle cellule microbiche impiegando metodologie prive di agenti inquinanti nonché caratterizzati e testati per varie applicazioni di mercato, nei settori dell’imballaggio, dell’arredamento, degli adesivi e del risanamento ambientale...

 

camillo la mesa

Camillo La Mesa, professore ordinario del Dipartimento di Chimica, racconterà la magia e la realtà dei sistemi colloidali, “piccole” entità capaci di dar vita a molteplici e affascinanti architetture sopramolecolari. Ci parlerà del formaggio, in cui le piccole entità colloidali sotto forma di micro-gocce si aggregano nella struttura macroscopica che tutti conosciamo. Fumi, polveri, fanghi, polimeri e molte strutture biologiche si comportano allo stesso modo…

 

 

 

 

federico marini

Federico Marini, docente del Dipartimento di Chimica, dirigerà una sinfonia di dati raccontandoci la chemiometria. La chimica come scienza sperimentale, in tutti i suoi ambiti, prevede lo svolgimento di misurazioni. Più il sistema è complesso, più sarà necessario misurarne non una singola proprietà, ma molteplici. Svolgere tante misure che caratterizzano il sistema non costituisce però una garanzia di conoscenza. Sono necessari strumenti che traducano il risultato delle misure in informazione. Questi strumenti sono forniti dalla chemiometria e fanno della ricchezza di dati il loro punto di forza, integrando i diversi aspetti messi in risalto dalle singole misure in un'unica rappresentazione del sistema nella sua complessità. Così come ascoltare di un’orchestra uno strumento alla volta non potrà mai restituire l’armonia e i contrappunti di una sinfonia, osservare un sistema chimico valutandone una proprietà alla volta, non potrà renderne la caratterizzazione completa...

 

donato monti

Donato Monti, docente del Dipartimento di Chimica, ci guiderà in un viaggio attraverso lo specchio alla scoperta dell’omochiralità in Natura, la cui origine è una delle 125 domande presenti nella Lista dei Problemi non Risolti della Scienza (“So much more to know”, 125-year special issue of Science, 2005). La chiralità è una proprietà che rappresenta il paradigma dell’impronta digitale della vita e, inevitabile e diretta conseguenza, è una proprietà molecolare strettamente correlata all’attività biologica di quasi tutti i composti farmaceutici, quindi anche requisito essenziale per la preparazione di nuovi materiali per applicazioni tecnologiche avanzate. Ci mostrerà aspetti chiave dell’insorgenza della chiralità in Natura, dallo spazio profondo fino alle forze coinvolte nelle particelle sub-atomiche, passando attraverso la sua percezione a livello umano…

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma