Dottorato in Scienze chimiche

Il dottorato di ricerca rappresenta il più alto livello della formazione universitaria ed ha una durata di 3 anni.

Per essere ammessi a un corso di dottorato di ricerca occorre essere in possesso della laurea specialistica o di un titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. La selezione per l’accesso ai corsi di dottorato avviene per concorso pubblico.

L’attività formativa del dottorato, comprensiva di eventuali periodi di studio all'estero e stage presso soggetti pubblici e privati, è finalizzata all'acquisizione delle competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione. Pertanto, i dottorandi sono tenuti a seguire corsi e seminari, a partecipare a congressi e scuole ed a svolgere -ove richiesto- attività didattica di supporto. Parallelamente allo sviluppo della tesi, dovranno inoltre presentare un congruo numero di pubblicazioni scientifiche. 

Il progetto di tesi viene sottoposto al Collegio dei docenti, che può accettarlo, entro tre mesi dalla presa di servizio. Ogni anno, in ottobre, i dottorandi discutono e presentano al Collegio i risultati ottenuti: in caso di parere positivo, essi passano all’annualità successiva. La Tesi di dottorato, sottomessa ad un revisore esterno e valutata dal Collegio dei docenti, viene infine discussa davanti ad una commissione nazionale.

La Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche, assieme a quelle di Fisica, Matematica, Astronomia, e Scienze Geologiche, fà parte della Scuola Vito Volterra.

Gli argomenti che i dottorandi possono sviluppare coprono tutti gli aspetti della Chimica, siano essi di carattere organico-sintetico, dei sistemi biologici, di carattere strutturale, computazionale, applicativo, analitico, ecc.

I curriculum dei Docenti facenti parte del Collegio (Membri del Collegio dei Docenti) sono disponibili nella sezione Download della Bacheca.